verso Arezzo: la pieve trovata per caso

1*la facciataLa Pieve trovata per caso.

Da quando conosco gli amici di “Pievi romaniche della Toscana e oltre” ogni pieve mi pare importante… Un giorno d’estate di qualche anno fa in giro verso Arezzo si cercava un posto dove fare il nostro picnic. Eravamo senza saperlo su l’’Alpe di Poti, una montagna molto cara agli aretini che la frequentano in ogni stagione.”

È stato così che abbiamo trovato questo pugnetto di case, S.Severo di Arezzo, e la sua Pieve. È semplice e ricca di storia: mille anni e più come racconta il cartello.

Ed è bella con il suo contorno di cipressi, che qui siamo in Toscana e non possono mancare. E c’è l’ombra generosa di una grande quercia con un comodo sedile. Fermarsi è obbligatorio.

2* portale

3*l'abside

4*testo

Non è un’eccellenza architettonica, ma nella grande semplicità del forme è elegante, semplice e sobria, ma non rozza, anche nel portale appena modanato.

5*il monumento

 

6* il monumentoDavanti corre la strada fra i boschi e di fronte un monumento che ricorda un eccidio feroce compiuto dai nazisti il 14 luglio del ’44. Siamo restati lì un po’, non è passato nessuno.

la quercia ospitale, il sedile e... la macchinetta che ci ha portati lì

la quercia ospitale, il sedile e… la macchinetta che ci ha portati lì

verso Arezzo: la pieve trovata per casoultima modifica: 2021-02-06T07:34:12+01:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *