c’è una rocca a Montefiore Conca

Panorama M.FioreChe a Montefiore Conca ci sia una rocca non è una notizia: in Romagna ogni collina, ogni cucuzzolo, ogni rilievo ha la sua rocca o il suo castello di ordinanza. La storia e soprattutto i contrasti fra i signorotti locali  hanno disseminato  nel territorio del forlivese e del riminese costruzioni imponenti e bellicose, merlature, mura possenti, torrioni, ponti levatoi.
Anche Ludovico Ariosto conosceva Montefiore e lo nomina nell’itinerario del cavaliere Rinaldo che ci può servire per sapere dove è… (fra Rimini e Urbino insomma)

“Quindi mutando bestie e cavallari,
Arimino passò la sera ancora;
né in Montefiore aspetta il matutino
e quasi a par col sol giunge in Urbino ”
( Orlando furioso, XLIII)

Ma questa di Montefiore Conca non è una rocca delle tante: basta guardare la bella foto del depliant del Comune per notare la peculiarità del Castello di Montefiore: altissimo sul colle che domina la valle del fiume Conca il castello praticamente non ha linee curve, è tutto spigoli vivi,  le facciate si piegano formando angoli di tutte le ampiezze adattandosi alla forma dello sperone su cui la rocca sorge.

Panor Montefiore 1Le superfici delle facciate altissime sono segnate da aperture irregolari, di tante forme e dimensioni e soprattutto senza nessuna  simmetria. La prima volta che l’ho vista da lontano ho avuto una impressione di grande modernità, ho pensato a Le Corbusier  della cappella di Ronchamp.  Forse azzardato, ma anche adesso, dopo tante volte che ci vado trovo che  le prospettive e le inquadrature che si possono vedere in questo castello sono interessantissime e originali, niente a che vedere con le altre architetture medievali…

È stato costruito intorno al 1337-47 da Malatesta Guastafamiglia (con un nome così non doveva essere proprio un bravo ragazzo!) a guardia della valle e della costa che di qui si domina per decine di chilometri da Fano a Ravenna e ai Malatesta restò finché la loro gloria non declinò.

DSCN4222 copiaDSCN4230 copiaSotto alla rocca un giro minuscolo di case, restato intatto e una chiesa e una porta. Si sale verso la Rocca : si cammina fra case che potrebbero anche essere qui da sempre…

DSCN4236 copia

la piccola costruzione a sinistra è la bottega dei vasai Franchetti che per secoli hanno lavorato qui… purtroppo ora è chiusa. Ne ho dei ricordi che racconterò

DSCN4239 copiaDSCN4243 copiaDSCN4241 copiaDSCN4233 copiaFuori dalla mura un borgo piccolo e ordinato dove si può trovare piacevolmente da ristorarsi e anche da togliersi la fame con cibo tradizionale e genuino.

DSCN4220In questo paese la mia famiglia ha vissuto fino a poco prima che io nascessi nel paesino qui vicino, Gemmano che si vede affacciandosi dalle mura. È quel paesino sul cucuzzolo a sinistra nella foto, col campanile bianco.

Gemmano copiaDella Gemmano di allora non è rimasto niente, raso al suolo nella battaglia che prese il suo nome nell’autunno del 1944

( da https://it.wikipedia.org/wiki/Battaglia_di_Gemmano)
“La battaglia di Gemmano si svolse durante la seconda guerra mondiale tra il 4 settembre e il 15 settembre del 1944 presso Gemmano, in provincia di Rimini, nel tentativo alleato di sfondare la Linea Gotica.
Durante questa battaglia, sviluppatasi in una serie di quattro attacchi inglesi contro le postazioni tedesche, il paese di Gemmano venne occupato durante il secondo attacco del 9 settembre, mentre le altre due azioni successive portarono alla resa delle altre forze della Wehrmacht nella zona.
Nonostante la sua brevità, per la sua cruenza viene ricordata da molti storici come la “Cassino dell’Adriatico”.

Per fortuna nonostante la vicinanza Montefiore e la sua Rocca non hanno subito danni e sono lì, curati e custoditi con amore dagli abitanti e attorno verde, boschi di castagni e oliveti… una passeggiata da godere.

per le notizie sulla Rocca, apertura e orari :  http://www.appenninoromagnolo.it/castelli/montefiore.asp

c’è una rocca a Montefiore Concaultima modifica: 2016-06-28T11:52:54+02:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *